E’ illegittimo il licenziamento per assenza ingiustificata se la prassi aziendale per la comunicazione delle ferie è quella via e-mail
PDF

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 7863 del 18 maggio 2012, ha affermato il principio secondo il quale nel caso in cui il lavoratore sia andato in ferie dopo aver comunicato via e-mail ai responsabili la propria assenza, ma senza un assenso formale ed esplicito da parte di quest’ultimi, non siamo di fronte ad un’assenza ingiustificata, quindi ad una giusta causa di licenziamento, qualora questo comportamento rientri nelle prassi aziendali per la richiesta delle ferie.

La Cassazione ha così valorizzato la prassi aziendale come emersa dall’istruttoria, la quale assurge a consuetudine, quindi a norma regolante il rapporto di lavoro. Se in un’azienda essa è sempre stata quella del “consenso tacito”, quindi di comunicare via mail le ferie senza attendere la risposta del responsabile, il datore di lavoro non potrà poi dolersi dell’assenza di un accoglimento della richiesta di ferie.